6 elefanti muoiono nel tentativo di salvarsi a vicenda

Cadono in una cascata e muoiono nel tentativo di salvarsi l’un l’altro

È accaduto in Tailandia, 6  elefanti muoiono nel tentativo di salvarsi reciprocamente dopo essere caduti in una cascata. Ci troviamo nel Parco Nazionale Khao Yai della Tailandia centrale. La famigerata cascata dove hanno perso la vita gli elefanti è la Haew Narok (Hell’s Fall). Purtroppo non è la prima volta che accadono incidenti simili.

Già prima, nel 1992, un altro branco di elefanti aveva perso la vita in circostanze analoghe. L’episodio aveva attirato l’attenzione mondiale, questi animali sono molto amati ovunque.

Ma torniamo a quanto è accaduto pochi giorni fa. Erano le 03:00 di sabato, ora locale (20:00 GMT di venerdì) quando il Dipartimento dei Parchi della Tailandia riceveva una chiamata di richiesta di intervento.

Un gruppo di elefanti stava bloccando una strada vicino al cascata.

6 elefanti muoiono nel tentativo di salvarsi a vicenda

Un elefantino era scivolato dalla Haew Narok e gli altri 5  erano in pericolo per aver cercato di salvarlo.

Tre ore dopo la chiamata purtroppo il corpo di un elefante di circa 3 anni veniva avvistato alla base della cascata e gli altri cinque elefanti individuati nelle vicinanze. Del branco inizialmente composto da 8 elefanti, solo 2 avevano scampato il triste destino. Per gli altri purtroppo, non c’è stato nulla da fare.

Grandi animali, ma con un cuore ancor più grande della loro mole. Non hanno esitato,  hanno cercato di aiutare l’elefantino sfortunato, di aiutarsi tutti. Purtroppo il lieto fine non è arrivato.

Khanchit Srinoppawan, capo del parco nazionale, in un’intervista rilasciata alla BBC ha dichiarato:

“Gli elefanti sopravvissuti vengono costantemente monitorati, siamo pronti a prestare loro tutto l’aiuto necessario.”

Edwin Wiek, il fondatore della Wildlife Friends Foundation Thailand, ci spiega che gli elefanti sopravvissuti potrebbero avere difficoltà a sopravvivere.

Animali con un grande cuore

Questi animali si affidano alle grandi mandrie per la protezione e la ricerca di cibo. A questo si unisce l’aspetto emotivo. È stato più volte confermato dagli esperti che sono animali noti per mostrare segni di dolore.

“È come perdere più della metà della propria famiglia, non c’è niente che tu possa fare, purtroppo è la natura” conclude Wiek nell’intervista.

Una storia senza lieto fine, ma che ci racconta di una solidarietà, di una generosità tra gli animali, che troppo raramente viene riscontrata negli umani.

Abbiamo tutto da imparare da loro. Come sempre.

Fonte: BBC
Featured Image Credit: BBC

Non perdete:

Loading...
Close
Close