7 infermieri rifiutano di farsi vaccinare contro il Covid: dopo un ultimatum vengono licenziati

In Germania, alcuni infermieri rifiutano di farsi vaccinare contro il Covid e per questa decisione sono stati licenziati dopo aver ricevuto un ultimatum.

La notizia viene riportata su Twitter dal giornalista e corrispondente dall’Italia per la nota emittente tedesca Ntv, Udo Gumpel.

Secondo quanto riferito dalla fonte in uno dei land tedeschi più colpiti dalla pandemia, Sassonia-Anhalt, sette infermieri di un servizio a domicilio (Pflegedienst) per anziani a Dessau sono stati licenziati dopo essersi rifiutati di fare la vaccinazione anti Covid-19.

Udo Gumpel ha poi reso noto che sarà compito della giustizia locale deliberare su tale vicenda, che ha superato i confini nazionali viaggiando veloce sul web dove è stata appresa ovunque.

Da quanto reso noto, gli infermieri rifiutano di farsi vaccinare contro il Covid non perché contrari alla vaccinazione.

7 infermieri rifiutano di farsi vaccinare in Germania

Sette infermieri rifiutano di farsi vaccinare contro il Covid e si vedono recapitare una lettera di licenziamento

Secondo la testimonianza di uno dei protagonisti di questa vicenda, che hanno perso il lavoro perché non volevano essere vaccinati contro il Coronavirus, gli infermieri sono stati messi di fronte ad un ultimatum.

Questo quanto raccontato da uno di loro all’emittente Mdr Sassonia-Anhalt:

“Ci è stato dato un ultimatum di tre giorni fino alle 12 e poco dopo quell’ora abbiamo ricevuto la lettera di licenziamento”.

Una posizione ferrea da parte della struttura per la quale lavoravano e delle autorità, anche se nel land non è obbligatoria la vaccinazione contro il Covid.

Malgrado ciò i sette infermieri, dipendenti presso il servizio infermieristico di Dessau, hanno perso il lavoro, e dopo la lettera di licenziamento stanno pensando di fare causa.

Secondo quanto riferito dai media locali, gli infermieri rifiutano di farsi vaccinare contro il Covid dopo aver motivato la loro scelta con il “bisogno di più tempo per pensarci”.

Infatti tutti e sette hanno affermato di non essere contrari alla vaccinazione contro il Covid, ma solo di voler riflettere sul sottoporsi al vaccino.

Rene Willmer, della direzione del servizio infermieristico, dopo il rifiuto da parte dei suoi dipendenti ha commentato l’accaduto:

“Penso che tutti coloro che lavorano nell’assistenza infermieristica dovrebbero avere abbastanza buon senso da sapere che la vaccinazione è importante e che deve essere fatta”.

Dopo le polemiche sollevate dalla vicenda dei sette infermieri che rifiutano di farsi vaccinare, si attende che la giustizia risolva il caso che ha fatto scalpore.

Condividi: