Babbo Natale sorpreso a pregare dopo aver fatto visita ai bambini ricoverati in ospedale

Sotto un dipinto di Gesù, Babbo Natale si inginocchia e recita la sua preghiera

Mariana Whitley Tumlinson stava percorrendo i corridoi dell’ospedale quando un uomo vestito di rosso aveva attirato la sua attenzione. L’emozione a quella vista le aveva stretto il petto e a fatica aveva soffocato l’esclamazione di sorpresa che le sgorgava dal cuore.

Cosa aveva visto di così sorprendente?
Babbo Natale sorpreso a pregare. Inginocchiato sotto un dipinto di Gesù e assorto in preghiera.

Proprio quel Babbo Natale che aveva visto poco prima distribuire i doni ai piccoli pazienti dell’ospedale.

Babbo Natale sorpreso a pregare

Se pensiamo a quanti bambini devono necessariamente trascorrere il periodo delle feste natalizie negli ospedali, la tristezza è inevitabile.

Ognuno di loro meriterebbe di trascorrere almeno quei giorni in allegria con amici a parenti, aspettare Babbo Natale nel conforto delle loro camerette.

È a tutto questo che aveva pensato Mariana Whitley quando, insieme agli altri membri dello staff ospedaliero, aveva cercato di portare ai piccoli pazienti l’allegria del Natale. La gioia di ricevere un dono.

L’uomo vestito di rosso, il Babbo Natale sorpreso a pregare, era stato invitato proprio per quel motivo. Per portare allegria e una piccola gioia ai bambini malati.

Mariana ha voluto catturare l’emozione di quell’uomo grande e grosso umilmente inginocchiato. Lo ha fotografato ed ha pubblicato l’immagine sul suo profilo Facebook.

I keep getting choked up with this photo. Today, after Santa visited our patients and was on his way out, he noticed our…

Pubblicato da Mariana Whitley Tumlinson su Giovedì 20 dicembre 2018

Ha voluto accompagnarla con i suoi pensieri:

“L’immagine di Babbo Natale sorpreso a pregare mi toglie ancora il fiato dall’emozione, per quante volte la guardi”, scrive Mariana.

“Dopo aver fatto visita ai nostri piccoli pazienti, ha visto la piccola cappella e si è fermato per recitare una preghiera”.

Caro Babbo Natale,
non è difficile immaginare per chi fosse quella preghiera. Non è difficile immaginare i pensieri che animavano la tua mente e il tuo cuore in quei momenti.

Durante la tua visita ai bambini malati e dopo, quando avrai chiesto aiuto, sostegno, forza e coraggio per le loro piccole vite.

Tra pochi giorni quel costume lo riporrai nell’armadio come ogni anno.

Ma se il periodo di Babbo Natale passa, quello di un uomo tanto degno e sensibile resta.

Grazie caro Babbo Natale, per aver reso con la tua piccola storia, il nostro Natale più bello.

Photo Credit: Mariana Whitley Tumlinson

Un invito alla lettura:

Ognigiornomagazine.net è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie