Cesare Cremonini cambia il nome alla domestica moldava perché la paga. Ed è subito polemica

Una vera e propria bufera mediatica si è scatenata dopo le dichiarazioni del cantante bolognese durante l’ultima puntata di "E poi c'è Cattelan"

Fortuna che dopo il lockdown e i problemi tutt’ora irrisolti riguardo il lavoro e l’economia esiste la ” trend topic” su Twitter! A guidare la classifica dell’argomento più cliccato è balzato sulla vetta niente meno che Cesare Cremonini.

Ma non è tanto il nome che suscita scalpore, quanto l’argomento.

Il putiferio social su Cesare Cremonini si è scatenato dopo la frase del cantante bolognese ospite dell’ultima puntata del programma “E poi c’è Cattelan”.

Cosa è successo nello studio di Sky Uno? È accaduto che durante la chiacchierata informale, tipica del format della trasmissione, Cremonini ha parlato della sua colf.

Cesare Cremonini

Aggiungendo : “Ho pensato alla mia donna delle pulizie, ha detto il cantante, che si chiama Emilia…”

“Non è vero, non si chiama Emilia. Lei è moldava, ha proseguito l’artista bolognese, e io ho preteso in onore della mia terra di chiamarla Emilia”.

E già qui il pubblico rumoreggiava. Il boato di indignazione è salito prepotente quando Cremonini ha aggiunto:

“Ognuno dovrebbe chiamare le persone come meglio crede, soprattutto le persone che entrano in casa tua. Sono pagate e quindi è possibile cambiare loro il nome”.

Il momento in cui Cremonini dice di aver cambiato nome alla colf:

La seconda frase di Cremonini non è passata inosservata, ed immediata è stata la condanna del pubblico su Twitter.

“Quindi secondo Cremonini se viene pagata una donna delle pulizie le si può cambiare nome perché riceve dei soldi?” scrive un utente?

“Allora, aggiunge sarcastico un altro, al prossimo concerto lo chiameremo Ugo perché viene pagato”.

“La gente non ha ancora capito che si compra la prestazione lavorativa non l’essere umano che la svolge”. È un altro dei commenti rivolti a Cremonini.

“Cesare Cremonini pensa sia un suo diritto annullare completamente l’identità di una persona soltanto perché la paga e quella persona fa le pulizie a casa sua? Ma quanto è bello questo classismo sui colli bolognesi”, si indigna un altro.

Ma c’è anche chi lo difende:

“Non ci vedo ombra di offese, razzismo, sessismo neanche se mi sforzo. Datevi una regolata e perorate le cause giuste.” Scrive, molto più saggiamente, un altro utente.

E voi cosa ne pensate? Pro o contro le dichiarazioni di Cremonini?

Potrebbe inoltre interessarvi leggere: 

Ognigiornomagazine.net è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie
Close
Close