fbpx

Coronavirus. A Natale un nuovo lockdown: l’allarmante previsione dell’Oms

L'Oms, analizzando le allarmanti previsioni sulla pandemia da Coronavirus in vista dell'inverno, ipotizzia un lockdown a Natale

L’Oms, dopo aver reso note delle allarmanti previsioni e proiezioni numeriche sulla pandemia da Coronavirus, preventiva il rischio di un nuovo lockdown a Natale.

Per arginare i contagi ed evitare perdite enormi si sta prevedendo di adottare delle misure più rigorose.

Anche in Italia, il nuovo Dpcm ha annunciato delle misure di necessità. Si pensa anche nel nostro Paese ad un nuovo blocco totale sotto il periodo di Natale.

Il virologo Andrea Crisanti ha illustrato quelle che potrebbero essere le preoccupanti previsioni per la stagione invernale e per il periodo natalizio. Queste le sue dichiarazioni ai microfoni di Rainews:

Credo che un lockdown a Natale sia nell’ordine delle cose: si potrebbe resettare il sistema, abbassare la trasmissione del virus e aumentare il contact tracing. Così come siamo il sistema è saturo”.

Per Crisanti, l’aspetto più allarmante è l’incapacità di anticipare l’evoluzione del virus.

Coronavirus L'Oms lockdown a Natale

L’Oms lancia l’allarme: a causa della nuova ondata di Coronavirus si corre il rischio di un lockdown a Natale

Secondo invece il report dell’Oms, circa 690 milioni di persone nel mondo a causa della pandemia da Coronavirus risultano malnutrite ed in precarie condizioni.

Un altro dato preoccupante segnalato da Oms, Ifad, Ilo e Fao riguarda il fatto che la metà della forza lavoro sia a rischio di perdere il proprio reddito.

Le situazioni più gravi si registrano in: Brasile, India, Usa. Mentre in Cina tutto sembra un lontano ricordo e si sta assistendo ad una ripresa economica.

Inoltre l’Oms ha di recente contrastato ogni possibile applicazione dell’immunità di gregge.

Tedros Adhamon Ghebreyesus, capo dell’Oms, ha ribadito che l’immunità di gregge si ottiene proteggendo le persone da un virus, non esponendole ad esso.

Inoltre ha sottolineato che ancora non si sa con certezza se una persona infettata una volta possa esserlo una seconda volta.

In più, il capo dell’Oms si è soffermato sul tema della risposta immunitaria ribadendo che differisce nelle persone.

La diffusione della Pandemic Fatigue

Il rischio di un lockdown a Natale sposta l’attenzione su un’altra problematica: la Pandemic Fatigue. Ovvero una reazione che molte persone starebbero avvertendo.

Un impatto di tipo psicologico che causa difficoltà a reagire dinanzi ad una crisi. Ilaria Capua ha spiegato il concetto di Pandemic Fatigue in questi termini:

 “Si verifica quando i pazienti, ma anche le strutture sanitarie e i decisori politici perdono energie, si immobilizzano.

Lantidoto è concentrarsi sulle questioni davvero urgenti e necessarie e lasciare un po’ perdere il resto”.

Ognigiornomagazine.net è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie