Coronavirus. Tasse e pagamenti congelati fino a giugno

Coronavirus: tasse e pagamenti congelati fino a giugno.
Era tra i motivi che più turbavano il sonno degli italiani l’arrivo della cartella di notifica e pagamento dell’Agenzia delle Entrate.

I numeri che riguardano i debiti, veri o presunti, dei cittadini che hanno un contenzioso con l’Ente di Riscossione sono impressionanti.

Solo nell’ultima tornata della proposta di saldo e stralcio dell’autunno 2019 sono stati circa 2 milioni i contribuenti che vi hanno aderito.

Ora, l’emergenza Coronavirus, ha stoppato anche una delle questioni più indigeste al popolo italiano.

Coronavirus: tasse e pagamenti congelati fino a giugno

Coronavirus, Decreto del Governo

Ecco cosa si legge nel Decreto Legge approvato nella giornata del 16 marzo:

“Il Governo ha disposto la “sospensione dei termini di versamento di tutte le entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di accertamento e di addebito, in scadenza nel periodo compreso tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020”.

Il Decreto prevede anche, come fa sapere il Presidente Ernesto Maria Ruffini, il differimento al 31 maggio della rata in scadenza il 28 febbraio, quella della rottamazione ter.

Ed anche di quella che vede come scadenza il 31 marzo e relativa all’ultimo saldo e stralcio approvato dal Governo.

Andando a spulciare i numeri di tutte queste cartelle dell’Agenzia delle Entrate emerge poi un dato assai curioso.

Ovvero l’adesione massiccia degli italiani alle varie forme di dilazione, condono, ravvedimento,. Salvo poi il rimandare anche questi pagamenti.

Delle cartelle in circolazione nel 2018 neanche la metà sono state regolarmente onorate da coloro che avevano sottoscritto una proposta di rateizzazione!

Sembra quindi che l’italiano si ravveda, aderendo ad una delle tante rottamazioni che l’Agenzia propone, salvo poi non pagare ancora!

Il tema delle tasse e della burocrazia è uno di quelli più controversi e, numeri alla mano, anche di più difficile soluzione.

Approfondimenti:

 

Condividi: