Fase 2. La rabbia dei medici rianimatori: “Noi non curiamo i cretini che fanno l’aperitivo”

Il mondo medico con appelli e rimproveri invita ad essere più cauti e rispettosi delle norme

Contro le scene che si sono viste che immortalano la movida ripresa con l’avvio della Fase 2, si è levata la rabbia dei medici rianimatori.

Dopo le critiche del mondo politico arrivano quelle del mondo medico attraverso messaggi Facebook postati da diversi anestesisti-rianimatori.

Nei loro commenti si rivolge un appello soprattutto ai più giovani che trascurano l’uso delle mascherine e la distanza sociale.

Il monito arriva anche dall’Associazione Nessuno tocchi Ippocrate con un messaggio alquanto provocatorio che si riassume in poche parole: “Movida nel week end? Noi non curiamo gli imbecilli”.

A questo messaggio si sono aggiunti altri commenti social che contestano la movida della Fase 2, esprimendo la rabbia dei medici.

 

rabbia medici movida

 

Fase 2. La rabbia dei medici rianimatori

Il presidente dell’Associazione anestesisti-rianimatori (Aaroi), Alessandro Vergallo, ha ribadito che il loro attacco si rivolge a coloro che si sono lasciati andare alla movida.

Contro il fenomeno ribattezzato ‘Covida’, si innalzano i rimproveri del mondo medico che invita a comportamenti più cauti a causa del rischio di contagio da Covid-19 ancora alto.

Per scuotere le coscienze e riportarli sulla retta via, evitando le scene di assembramenti da inizio Fase 2 si è levato il grido di rabbia dei medici rianimatori:

“In tutta Italia si sono registrati assembramenti davanti ai locali della movida del sabato sera…..per colpa di qualcuno retrocederemo alla FASE 1? Noi non curiamo gli imbecilli!”

Tra i post più risonanti contro la movida di Fase 2 da parte dei medici, spicca quello di Carlo Serini, rianimatore all’ospedale San Carlo di Milano, in cui si legge:

“Io faccio l’anestesista rianimatore per tutti, belli e brutti, bianchi e neri, grandi e piccoli, Italiani e stranieri, insomma non si guarda (giustamente) in faccia a nessuno.

Ma non faccio l’anestesista rianimatore per i cretini. Cari cretini, eliminatevi come preferite che fate un favore all’umanitá…

Ma non chiedeteci ancora di rivedere e rivivere i tre mesi appena trascorsi, a causa del vostro cretinismo. Io sono in terapia del sonno per sedare e sopire incubi, insonnie e risvegli dopo tre mesi in un ospedale Covid: e voi che fate? L’aperitivo…

Cretino é una diagnosi (e oggi arriva gratis), non un insulto“.

Nel suo messaggio si racchiude tutta la rabbia dei medici rianimatori italiani contro la movida della Fase 2.

Leggi anche:

Ognigiornomagazine.net è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie