Ilona Staller rivuole il suo vitalizio: “Da 3100 euro è stato portato a 800”

Ha sempre fatto scelte radicali Ilona Staller nella sua vita, iscrivendosi negli anni ottanta proprio al partito fondato da Marco Pannella, e diventando parlamentare.

Quindi, in linea con la sua carriera cinematografica, di partito Ilona ne fondò uno tutto suo, il partito dell’Amore, calcando però sempre la scena di Montecitorio.

Ora, anche lei, come tanti ex colleghi, è alle prese con la legge riguardante i vitalizi, e non sembra averla presa molto bene.

Ospite nella trasmissione di rete 4 Fuori dal coro, condotta da Mario Giordano, la mitica Cicciolina ha disotterrato l’ascia di guerra!

“Noi deputati non siamo pecore nere. Non siamo angeli neri. Non siamo diavoli. Cosa facciamo: ai senatori diamo i vitalizi e a noi calci in c…?” attacca Ilona Staller.

Si, perché dopo la decisione del 20 febbraio, sembra che la tanto discussa legge sul taglio dei vitalizi, non si applichi ai senatori, ma rimanga in vigore per i deputati.

“Sono i…..* nera “ sbotta l’ex pornostar di origine ungherese, che vedrebbe così ridotto notevolmente l’assegno che arriva dalle casse dello Stato.

La somma da lei percepita infatti, passerebbe da oltre tremila euro a circa mille.

La protesta di Ilona Staller

Ilona Staller rivuole il suo vitalizio

“Ha studiato giurisprudenza Di Maio? Io so che faceva il bibitaro…” incalza la Staller, accantonando definitivamente la grazia che l’ha sempre contraddistinta !

“E fortuna, prosegue, che mi sono data sempre da fare”, confida ad un pubblico che l’ascolta con molta attenzione.

L’attrice nata a Budapest, già Miss Ungheria, è stata infatti una delle dive dei film hard più conosciuta in Italia e nel mondo.

Il suo arrivo in Italia avvenne, come ha ricordato in alcune interviste, dopo aver sposato un italiano conosciuto mentre lavorava in un hotel sul Danubio.

“Ero stata anche contattata dai servizi segreti” ammette Ilona, in un’epoca in cui il suo Paese figurava ancora tra i paesi sotto l’influenza dell’ex Unione Sovietica.

Non perdete:

Condividi: