Kobe Bryant è morto. L’elicottero sul quale viaggiava si è schiantato al suolo

Muore la leggenda dei Los Angel Lakers insieme alla figlia 13 enne che viaggiava con lui

È stato tra i più forti giocatori di tutti i tempi e parlarne al passato è qualcosa che fa male. Perché non è stato solo un grande campione, un fuoriclasse straordinario, è stato un grande uomo. Kobe Bryant è morto. Ci lascia. Ci lascia attoniti.

La leggenda dei Los Angel Lakers è deceduto in seguito ad un incidente. L’elicottero sul quale viaggiava si è schiantato a Calabasas intorno alle 19 (ore italiane ndr).

Nello schianto il velivolo ha preso fuoco ed hanno perso la vita oltre a Kobe, altre quattro persone che viaggiavano con lui. Tra loro, la figlia tredicenne del campione.

Solo stamane il campione si era complimentato con LeBron James, cestista dei Lakers che lo aveva superato come terzo realizzatore della storia.

Un uomo senza invidia Kobe, un grande sotto ogni profilo.

Il campione era nato a Filadelfia, Stati Uniti, ma aveva trascorso parte della sua giovinezza in Italia.

Suo padre, giocatore di pallacanestro, aveva indossato i colori del Pistoia, Reggio Emilia, Rieti e Reggio Calabria.

Kobe parlava quindi correttamente la nostra lingua e pensate, tifava Milan.

La carriera di Kobe

Kobe Bryant è morto

La carriera sportiva del fuoriclasse è stata stata costellata di successi e soddisfazioni.

Nel 1996 Kobe venne ingaggiato dagli Charlotte Hornets. Subito dopo vene ceduto ai Los Angeles Lakers e da lì inizia la vera storia di un grande campione.

Kobe vince nel 2000 il suo primo anello. Con Shaquille O’Neal formano una coppia formidabile! Segue uno storico threepeat, ripetuto poi negli anni 2001 e 2002.

Nel 2009 e 2010 Kobe Bryant vince gli ultimi anelli, mentre nel 2016 il fuoriclasse annuncia il suo ritiro a causa dei numerosi infortuni.

L’annuncio coincide con la gara d’addio più bella di sempre. Una gara che si conclude con 60 punti contro gli Utah Jazz.

Oggi Kobe Bryant è morto. Aveva solo 41 anni e lascia la moglie Vanessa e le altre tre figlie.

Lascia il ricordo di campione tenace e intelligente, di uomo grande e sereno. Grande.

Lascia tutti noi attoniti, increduli.

Il video dello schianto dove Kobe e la figlia, insieme agli altri,  hanno perso la vita.

Riposa in pace campione, tra gli angeli, con la tua bambina…

Potrebbe interessarvi leggere:

Ognigiornomagazine.net è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie