Luigi Di Maio non dimentica gli amici e assume 5 ex compagni di scuola

Tutti provenienti dal liceo Imbriani di Pomigliano d'Arco che sembra quindi "sfornare" solo eccellenze

Molte volte leggiamo, o ascoltiamo di enormi sacrifici che gli italiani fanno per poter assicurare ai loro figli la migliore istruzione.

Nomi ormai divenuti famosi, come Harward, Bocconi, sono nulla, a quanto pare, con il mitico liceo Imbriani di Pomigliano d’Arco.

Si, avete letto bene!

La scuola frequentata dall’attuale Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, già responsabile del dicastero dello Sviluppo economico nel precedente governo, sta diventando una fucina di alti dirigenti.

È quanto riporta l’inchiesta di un quotidiano nazionale, il Giornale, sui nomi che Luigi Di Maio ha piazzato in posti chiave dell’amministrazione pubblica dello Stato.

Come si apprende dal quotidiano milanese, che riprende un’inchiesta de Il Foglio, la saga dei “Pomigliano’s Boys “, sembra non conoscere crisi.

Grazie alla conoscena acquisita sui banchi di scuola con il Ministro Luigi Di Maio si evince che il nuovo Consiglio di Amministrazione di Fincantieri, che non è proprio la bocciofila sotto casa, vede alcuni ex compagni del Liceo Imbriani di Pomigliano piazzati nei posti chiave.

Carmine America rientra tra questi. Dopo essersi fatto le ossa al Mise ( Ministero dello Sviluppo Economico), approda nel Consiglio di una delle maggiori Aziende italiane, Leonardo Finmeccanica.

Insieme ad un altro compaesano, Pasquale De Falco, anch’egli alunno modello del Liceo di Pomigliano d’Arco, poi divenuto commercialista.

Gettoni nell’ordine dei 180 mila euro anno che, in epoca di crisi economica, non sono poi da buttare. Considerando anche che si tratta di aziende partecipate, e quindi di stipendi praticamente sicuri!

 

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Ma gli amici di Luigi Di Maio non finiscono qui

E dagli amici di liceo, a quelli dell’università mai finita da Di Maio. Pensiamo a Enrico Esposito, diventato per merito di Luigino, capo dell’ufficio legislativo al ministero dello Sviluppo Economico.

Oppure ad Assia Montanino, sempre di Pomigliano d’Arco e premiata dal ministro con una poltrona d’oro al Mise come capo segretaria.

Su il Giornale l’elenco degli amici di Maio non finisce certamente qui. Altri nomi vengono citati e tutti appartengono a uomini e donne che rivestono cariche più o meno importanti.

Sicuramente Luigi Di Maio non sta facendo nulla di diverso dai tanti che lo hanno preceduto.

Quella che si chiama lottizzazione è una pratica tanto vecchia quanto sempre presente nel nostro Paese.

E così, l’unica cosa che dovrebbe ricordare l’attuale Ministro quando piazza gli amici del liceo di Pomigliano, è che la ruota gira!

Potrebbe inoltre interessarvi leggere: 

Ognigiornomagazine.net è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie