Malattia di Kawasaki e Coronavirus sono correlati?. L’esperta chiarisce

Secondo alcuni dati la malattia Kawasaki avrebbe una stretta correlazione con la SARS-CoV-2. La dottoressa Alessandra Marchesi fa luce sulla patologia che colpisce soprattutto i bambini e il reale legame con il virus

Proprio nei giorni in cui la curva dei contagi da Coronavirus sembrava prendere una discesa importante, un allarme arriva dalla Gran Bretagna e da alcuni ospedali del Nord Italia. Ha un nome orientale: sindrome di Kawasaki.

Colpisce in prevalenza i bambini, e sia i medici che ricercatori stanno cercando di capire che legame possa esserci con il Covid 19.

La dottoressa Alessandra Marchesi, medico dell’Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive del Dipartimento di Medicina Pediatrica IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, è una della maggiori esperte della malattia di Kawasaki

“Al momento non possiamo dare nessun tipo di spiegazione causa-effetto tra COVID e Kawasaki – afferma la Dottoressa Marchesi -, perché non abbiamo i dati.

Sappiamo che magari pazienti COVID positivi a Bergamo hanno sviluppato anche la Kawasaki e che c’è stato un aumento dell’incidenza, però bisognerà studiare meglio i meccanismi sottostanti. ”

Coronavirus, tamponi

Cos’è quindi questa patologia ?

Si tratta di un’ infiammazione dei vasi sanguigni, la cosiddetta vasculite, che può manifestarsi accompagnata da altri sintomi più o meno violenti.

Febbre, congiuntivite, rash cutanei, alterazione dei linfonodi.

“Va studiata e capita”, ammette l’esperta di Roma.

“Noi siamo inondati da mail e messaggi di persone che hanno già avuto la malattia di Kawasaki e che ci chiedono informazioni in merito al legame col cornavirus, ma al momento non sappiamo.

Poi magari l’anno prossimo rilasceremo delle dichiarazioni completamente differenti” .

Nelle regioni più colpite dalla pandemia da coronavirus i casi di malattia di Kawasaki sono aumentati, mentre in altre zone del Paese l’incidenza mantiene un trend a quello simile agli altri anni.

“Ad oggi, continua la Dottoressa Marchesi la malattia è trattata con una terapia a base di immunoglobine ed aspirina.”

Il decorso, in casi normali, avviene in circa 2 settimane, e raramente la malattia di Kawasaki può causare la morte.

Incalzata dai giornalisti sul legame con il Covid la Dottoressa spiega: “Non lo escludiamo.

Noi il trigger infettivo lo abbiamo presente e lo stiamo cercando da tanto tempo, per cui può anche essere che il coronavirus sia un possibile trigger.”

Potrebbe inoltre interessarvi leggere: 

Ognigiornomagazine.net è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie
Loading...
Close
Close