Prete positivo al covid fa bere i fedeli dal suo stesso calice. Una telecamera riprende la scena

Prete positivo al covid diventa protagonista di un evento assurdo. Il video della faccenda ha fatto in pochissimi secondi il giro del web. Presso la cattedrale di Lungro in provincia di Cosenza, in Calabria un prete positivo al coronavirus ha tranquillamente fatto bere i suoi fedeli dello stesso calice dal quale aveva bevuto prima dell’Eucarestia.

Un comportamento che si ripete da anni, anche adesso nonostante le regole anti covid ed il largo contagio nel nostro Stato. E’ quindi esplosa la polemica.

Prete positivo al covid finito nella polemica di un paesino conosciutissimo al mondo

Prete positivo al covid finisce al centro delle polemiche e a parlare di lui è anche il sindaco del comune, Giuseppe Santoianni che dopo aver appreso della notizia della positività al test del coronavirus di uno dei fedeli della chiesa, ha firmato l’ordinanza per la chiusura e la sanificazione della cattedrale di San Nicola di Mira che si trova a Lungro.

Lungro è uno dei paesini più conosciuti della zona per essere capitale religiosa degli italo-albanesi. Questi ultimi hanno un rituale particolare che prevede il bere tutti dallo stesso calice, come componenti di un’unica famiglia.

Ammissibile in altri periodi, non nel periodo durante il covid sta spopolando e uccidendo migliaia di persone di tutto il mondo. Il prete positivo al covid era consapevole della sua positività, questo aggrava la posizione. Ma non è l’unico a non aver osservato e a non aver fatto osservare le regole. Così è stato anche per il suo collega del quale al momento non si sa nulla.

Prete positivo al covid finito nella polemica di un paesino conosciutissimo al mondo

Il video fa il giro del web ma viene subito eliminato dal profilo del prete

Intanto in pochissimi minuti il video dell’Eucarestia è stato pubblicato sui social, anche sul suo profilo ma poi è stato rimosso. Si vedeva chiaramente che il prete positivo al covid partecipava alla messa insieme ai fedeli nella serenità, con la mascherina abbassata, si vede anche il momento in cui poggia le labbra sul calice e sullo stesso vengono poggiate anche quelle dei fedeli rispettosi della tradizione della propria religione.

Per il prete positivo al covid adesso è stato disposto l’isolamento fiduciario, la stessa cosa per il confratello. Intanto le autorità sanitarie calabresi sono a lavoro e stanno cercando di ricostruire il movimento e gli spostamenti di tutti i fedeli che hanno partecipato alle loro funzioni religiose nelle ultime settimane per contenere quanto possibile il contagio. E’ corretto affermare che ormai il danno è stato fatto e che adesso potrebbe essere arrivato il momento di raccogliere i frutti.

Condividi: