Sindrome post-40 anni. Strana la sindrome o strani noi ultra quarantenni?

Sindrome post-40 anni. Siamo strani noi o è strana lei? A tutti quelli che hanno superato i 40 anni, un abbraccio! E i più giovani sono pregati di non ridere leggendo, perché i post-40 anni arriveranno anche per loro. Anzi. C’è da sperarlo!

Invece tra noi ci comprendiamo fin troppo bene, strizzandoci l’occhio per questi nuovi sintomi che fanno capolino tra l’ennesima candelina aggiunta sulla torta e il portentoso antirughe che ci aspetta pieno di promesse sulla mensola in bagno. Certamente avete appena scoperto anche voi questa strana sindrome! Oppure, leggendo i sintomi, scoprirete di esserne affetti.

La sindrome post-40 anni

La sindrome post-40anni

Come detto: è strana la sindrome post-40 anni o siamo strani noi che la stiamo affrontando? Mi spiego meglio:

1- Il nuovo giorno è iniziato da poco e decido che oggi laverò la mia macchina: prendo le chiavi con l’intenzione di andare in garage.
È lì che noto alcune lettere sul tavolo vicino la porta.

2- Ok … ho sempre intenzione di lavare la macchina, ma prima darò un’occhiata alla corrispondenza, perché potrebbe esserci qualcosa di urgente.

3- Metto le chiavi della macchina sul mobiletto successivo e guardo la posta. Ci sono alcune bollette da pagare e pubblicità inutili, quindi decido di buttarle via, ma vedo che il bidone della spazzatura è pieno.

4- Lo prendo per svuotarlo.
Passando, conto le banconote sulla scrivania, sono poche, ma c’è una banca proprio vicino casa e decido che prima di svuotare il bidone e lavare la macchina, pagherò le bollette.

Affrontare la sindrome post-40 anni

5- Metto la pattumiera sul pavimento, prendo la borsetta e vado verso la porta.

6- Dov’è il mio bancomat? Nella tasca della giacca che indossavo ieri.

7- Mentre passo davanti al tavolo da pranzo, guardo la bibita fresca che stavo bevendo.
Prenderò il bancomat, ma prima voglio mettere la bibita nel frigorifero.

8- Mentre mi dirigo verso la cucina noto che la pianta nel portavasi sembra appassita. Meglio annaffiarla subito!

9- Metto la bibita sul tavolo della cucina quando … Ah! Ho trovato i miei occhiali! Li ho cercati per ore!

Coma affrontare la sindrome post-40 anni

Meglio metterli subito al loro posto!

10- Prendo intanto una brocca, la riempo di acqua e torno dalla mia pianta.

11- Sulla strada per il bagno trovo il telecomando del televisore in cima al lavandino! Questa notte, quando vorrò accendere la TV, non mi ricorderò di averlo visto in bagno.
Meglio portarlo subito nel soggiorno. Ma …

12- Metto gli occhiali sul lavandino e prendo il telecomando.

13- Ho annaffiato la pianta, ma è caduta un po’ d’acqua sul pavimento. Lascio il telecomando su una sedia e prendo un panno.

Soffrite della sindrome post-40 anni?

14- Cammino lungo il corridoio e penso di dover cambiare la cornice di un dipinto.

15- Sto camminando… ma non ricordo dove sono diretta!

16- Ah! Gli occhiali … Allora! Prima il panno. Lo prendo.

17- Vado verso il vaso, ma vedo il bidone della spazzatura ancora pieno.

Quanto è strana la sindrome post-40 anni?

18- È sera, la giornata volge ormai al termine, la macchina non è stata lavata, le bollette non sono state pagate, la bibita è ancora lì, calda, la pianta ha preso solo metà dell’acqua necessaria, non ricordo dove ho messo la mia carta di credito, né dove sono le chiavi della macchina!
E gli occhiali??

19- Mentre cerco di capire perché oggi non ho fatto nulla, sono stupita: sono stata impegnata tutto il giorno!

20- Mi rendo conto che questa è una cosa molto seria e che devo andare dal dottore, ma prima, penso che vedrò il resto della posta.

Dedicato a tutti coloro che stanno affrontando la sindrome post-40 anni

PS: Ho inviato questo messaggio a quasi tutti i miei conoscenti, ma siccome non ricordo più a chi l’ho inviato, ho deciso di postarlo qui sul blog e chiederò loro di leggerlo !!!

In realtà sono un po’ preoccupata: non posso postarlo senza aver prima pubblicato alcuni articoli importanti… ma quali erano??

Ahhh i quarant’anni… croce e delizia di questo meraviglioso viaggio che chiamiamo vita!

Un abbraccio a voi. Un altro ancora e questa volta ho cura di abbracciarvi proprio tutti!

Loading...
Close
Close