fbpx

Il Test dei colori di Lüscher, un aiuto per analizzare e riconoscere le nostre emozioni positive e negative

Il test dei colori di Lüscher tratta l'uso della psicologia del colore applicata questa volta alla valutazione della personalità, alla determinazione di un profilo psicologico e alla valutazione dell’influenza di questi sull’umore

Il test dei colori di Lüscher, cos’è

Il test dei colori di Lüscher valuta lo stato psicologico di un uomo, la sua resistenza, le sue prestazioni e le capacità di comunicazione.

Scopre l’origine dei carichi psichici dovuti al dolore fisico. La scelta tra colori di prova di Lüscher definiti con precisione misura, con circa 5.015 definizioni, lo stato di 23 domini della personalità, alcuni dei quali sono inconsci.

Poiché la scelta dei colori viene fatta inconsciamente, possiamo dire come è realmente la persona, e non come si vede o come vorrebbe essere visto dagli altri, come nel caso delle consultazioni dirette o sulla base di questionari.

Test breve o test completo: le differenze

Il test dei colori di Lüscher è disponibile in due versioni, il test completo e il test breve o rapido.

Il test completo contiene 63 cartelle colore di 25 tonalità e sfumature e richiede 43 selezioni.

Il test breve utilizza solo 8 carte colore: 4 colori primari e 4 colori ausiliari. Permette comunque di determinare quali sono i tratti dominanti della personalità, le principali caratteristiche psicologiche di un individuo.

I quattro colori “psicologici primari” sono blu, giallo, rosso e verde. Gli altri quattro, i “colori ausiliari”, sono viola, marrone, grigio e nero.

È il test breve che viene generalmente utilizzato nel reclutamento durante i colloqui di lavoro – così come altri test-, il test completo è più uno strumento di psicoterapia, in particolare per i bambini. Le carte sono solitamente sostituite da un piatto con i colori.

Mettendo questi 8 colori davanti a chi si sottopone al test, gli viene chiesto di selezionare prima quello che gli piace di più, che sembra il più gradevole, ma senza associarlo a quello di un oggetto familiare (macchina, vestito, ecc.).

Deve poi procedere allo stesso modo con gli altri colori, in ordine di preferenza, fino a quello che gli sembra meno gradevole. Avrà quindi formato una serie di 8 colori classificati in ordine di preferenza.

A questo punto penserà di aver completato il test.

Poi parlagli di qualcosa di completamente diverso, per qualche minuto, ripercorri i suoi studi, la sua carriera professionale, le sue motivazioni.

Quindi gli viene presentata di nuovo la cartella degli 8 colori, e si fa procedere di nuovo a un disegno in ordine di preferenza, senza cercare di ricordare il sorteggio precedente.

Alla fine, si saranno ottenute 2 suite di 8 colori classificati in ordine di preferenza.

La diagnosi di personalità risulterà dall’analisi di queste combinazioni, dall’ordine e dalla posizione dei colori tra di loro e dal confronto delle 2 sequenze.

 

Interpretazione dei colori in psicologia

L’obiettivo principale della psicologia dei colori, e quindi della teoria dei colori di Lüscher, è l’osservazione delle relazioni il più chiare possibile tra i colori come le apparenze e gli eventi psichici ad essi correlati.

In realtà si cerca di andare al di là del riferimento al l’esperienza complessiva mettendo in discussione la persone soggette a un test sui loro colori preferiti e confrontando i risultati con la natura e la situazione psichica delle personalità intervistate.

Blu scuro: calma, pace e soddisfazione nel test dei colori di Lüscher

Al blu scuro Lüscher attribuisce calma senza eccitazione. Il polso, la pressione sanguigna, la frequenza respiratoria e lo stato di veglia vengono ridotti e regolati.

Quindi il blu scuro corrisponde fisicamente alla calma, psicologicamente a uno stato di pace e soddisfazione.

Il test della piramide dei colori distingue tra due tonalità di blu: un blu di Prussia scuro e un blu turchese chiaro. In particolare, il blu scuro è il colore dell’introversione, dell’attenzione al proprio io interiore, delle proprie esperienze, del ritiro in se stessi.

Giallo: allegria radiosa

Secondo la teoria dei colori di Lüscher, il colore più caratteristico della personalità è il giallo che riflette la luce diffonde chiarezza su tutti i lati, è l’allegria radiosa.

Il giallo corrisponde a un’estensione illimitata, alla soluzione. Il giallo spinge sempre in avanti, verso il nuovo, il moderno, il futuro.

Il giallo, insieme ad altre tonalità, è stato attribuito a una cosiddetta sindrome da impulso, perché è evidente la sua relazione con la motivazione alla performance, la sua attenzione esterna mirata ma affettiva.

Non c’è spazio per il bianco nel test dei colori di Lüscher

Il test di Lüscher non conosce il colore bianco. Nel test della piramide dei colori il bianco è il colore che rappresenta la mancanza di controllo e regolazione.

Grigio: la Svizzera dei colori

Secondo Lüscher il grigio è il colore della neutralità. Non sarebbe colorato, né chiaro o scuro, non presenterebbe né tensione né distacco – quindi sarebbe del tutto privo di qualsiasi tendenza psichica.

Il grigio quindi rappresenterebbe un territorio inadatto agli stimoli, sarebbe piuttosto un confine, confine come terra di nessuno, contorno o netta separazione.

Sarebbe anche il colore dell’astratto, a strutturare i contrasti: “il grigio è tutta teoria”.

Pertanto il grigio sarà spesso preferito in situazioni di estrema stanchezza e durante gli esami. Chi rifiuta il grigio lo vivrebbe come noioso e senza vita e preferirebbe altri colori pieni di passione.

Il grigio potrebbe essere definito il colore della “repressione”. Il grigio caratterizza le persone che evitano le difficoltà coprendole o scappando da loro, ma può anche indicare capacità diplomatiche.

Verde: il re della tensione elastica

Il verde nel test dei colori di Lüscher potrebbe essere interpretato come un segno di integrazione, come un segno di matura sensibilità e di equilibrio tra l’ambiente e il mondo interiore.

Se qualcuno sceglie questo verde, rappresenterebbe un segno contro il nevroticismo, l’instabilità e le relazioni travagliate.

Per Lüscher l’azzurro scelto per la sua prova è l’espressione della difesa contro il cambiamento, segno di stabilità e di autoaffermazione, della tensione della volontà ai fini della perseveranza.

L’apparente contraddizione tra queste due affermazioni si dissolve, se si considera che la piramide dei colori sceglie un verde medio brillante, Lüscher un blu-verde più freddo.

Marrone: giallo-rosso nuvoloso

Secondo Lüscher, il marrone è un giallo-rosso nuvoloso e, di conseguenza, la forza vitale del rosso è qui attenuata.

La vitalità è ancora presente, ma non solo non agisce più attivamente, ma si sente passivamente.

Il marrone rappresenta la sensazione vitale e sensoriale; la posizione di questo colore nel test di Lüscher fornisce quindi informazioni sull’atteggiamento vis-? -Vis della sensazione corporea vitale.

Nero: la negazione assoluta

Secondo Lüscher, il nero significa un punto finale definitivo, una frontiera assoluta, in cui la vita si ferma.

Il nero esprime l’idea del nulla, della negazione di fronte all’approvazione, che raggiunge, nel bianco, come assoluta libertà e perfezione, la sua massima intensificazione.

Questo sarebbe il motivo per cui le bandiere delle associazioni di anarchici e nichilisti erano nere. Inoltre, il nero riflette la congestione, il rifiuto e la repressione.

Viola: unità come fusione erotica nella teoria dei colori di Lüscher

Lüscher vede anche il viola principalmente come il colore composto tra il rosso e il blu.

Il significato del rosso, come un conquistatore impulsivo, e azzurro come tenera passione si fondono in un’unità che diventa identificazione.

Chi preferisce il viola, vorrebbe concludere una relazione magica.

Secondo Lüscher, il viola può significare unità come la fusione erotica, ma può anche significare sottigliezza inesistente e indecisione fluttuante.

Un test su 1.600 scolari in età prepuberale ha mostrato una preferenza per il viola nel 75% dei casi. Inoltre, le donne preferiscono il viola durante la gravidanza.

Rosso: forza vitale

Secondo Max Lüscher, il rosso è l’espressione della forza vitale e del culmine dell’eccitazione vegetativa.

Il rosso è impulso, volontà vitale di conquista e virilità, che va dal motore del sesso alla trasformazione rivoluzionaria.

Ognigiornomagazine.net è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie