Un portale energetico si è aperto per tutti coloro che hanno scelto di svegliarsi oltre i limiti della realtà fisica

Per raggiungere e incarnare la vera essenza del mondo, in tanti hanno scelto di andare oltre la mera corporeità, per superare i limiti di una realtà fisica.

Per molti è successo la scorsa notte o nel corso delle ultime 24 ore.

Alcuni hanno fatto questo in piena coscienza, attraverso riti, cerimonie, altri inconsciamente, durante il sonno.

In molti hanno sperimentato consapevolmente anche la presenza di alcuni esseri di luce, avvolti da un’aura luminosa, che li hanno circondati negli ultimi dieci giorni circa, per guidarli in ogni fase del loro cammino.

Molti hanno potuto sperimentare la purificazione attraverso vecchi ricordi riemersi e ciò ha permesso loro di prendere nuove decisioni, grazie anche ad una nuova energia, ritrovata attraverso l’amore.

Alcuni lo hanno fatto attraverso il corpo, sperimentando vecchi dolori, altri attraverso la memoria e il ricordo; altri ancora attraverso il chakra della gola, ovvero la nostra seconda bocca, dove accumuliamo tutte le parole non dette, i pianti trattenuti, le risate contenute.

E’ attraverso il chakra della gola che infatti esprimiamo ciò che è vivo in noi: risate, pianti, paure. La nostra verità.

Successivamente a questo processo, alcuni hanno scelto di fare nuove scelte di vita, altri hanno perseguito traguardi importanti.

Attraverso questo complesso meccanismo di purificazione e liberazione, molti hanno quindi cercato di mettere ordine dentro e fuori di loro, nel dominio dell’Unità e dell’Amore, il nostro più grande potere.

A livello personale, questo portale energetico ha compiuto una “sorta di allineamento” tra l’uomo , il mondo e ciò che e’ in suo potere: i suoi doni, i suoi strumenti, la sua saggezza ancestrale e prenatale, la sua alchimia, le sue abilità creative.

Ha cercato di unificare il tutto, affinché si potesse nuovamente manifestare il puro amore su questo pianeta, attraverso la vera essenza della Dea Madre, in tutto il suo potere e in tutta la sua grandezza.

Insieme o no, ognuna delle cose sopra elencate, ovvero ogni dono in nostro potere, si è quindi “allineato” con la vera essenza della nostra sovranità, una pura fonte di energia: la divinità suprema.

E’ un po’ come dire che tutti noi siamo “un tutt’uno”, ma allo stesso tempo abbiamo anche aspetti individuali e unici di quel “tutto”: quindi anche la nostra essenza individuale deve essere nutrita e accresciuta.

L’unità, nel suo essere, come prima cosa non comprende che il proprio sé, il nostro potere più grande, poiché tutto quello che ci circonda è semplicemente un riflesso del sé.

Questo però non significa che dobbiamo concentrarci solo sul nostro essere.

Non vuol dire che non dobbiamo dare il giusto valore all’amore, al potere, alla verità, all’equilibrio, alla gioia, poichè questo significherebbe trascurare il vero punto di origine del sè e quindi la piena potenza dell’Amore.

Bisogna essere integri e completi, puri nell’amore e nella verità, prima con se stessi: solo così saremo in grado di “allinearci” con riverenza a tutto il resto.

Loading...
Close