5 semplici modi per correggere un bambino maleducato

5 modi per correggere un bambino maleducato. Come genitori, dobbiamo assumerci la responsabilità di insegnare ai nostri figli l'educazione

“Buongiorno”, “permesso”, “grazie”, “per favore”, “scusa” … a quanto pare, molti bambini e adolescenti non hanno mai imparato queste parole, perché raramente le sentiamo dire. Ecco quindi 5 modi per correggere un bambino maleducato.

Queste espressioni possono essere applicate alla mancanza di rispetto o alla cattiva educazione, che sono due cose separate da una linea molto sottile.

Bambino maleducato? Ecco come correggerlo

La mancanza di rispetto è inappropriata in ogni circostanza e un’educazione benevola non deve essere permissiva allo stesso tempo.

Come genitori, dobbiamo assumerci la responsabilità di insegnare ai nostri figli e adolescenti atteggiamenti e gesti per esprimere le loro emozioni e disaccordi senza mancare di rispetto alle altre persone. Chiunque siano.

Tuttavia, è davvero ingenuo aspettarsi di insegnare qualcosa a un bambino arrabbiato. Quando i bambini o gli adolescenti sono dominati dalla rabbia, dallo stress o dalla frustrazione, la parte razionale del loro cervello è disconnessa e quindi è inutile spiegare qualcosa.

Questo è qualcosa che i genitori dovrebbero tenere a mente, perché non saremo mai in grado di trasmettere alcun tipo di insegnamento fino a quando non si saranno connessi emotivamente con noi.

In questi casi, neanche le minacce funzionano, perché in un momento di rabbia i bambini ricorderanno solo la minaccia e non l’insegnamento.

Non parliamo poi delle punizioni fisiche! Non solo insegnano nulla, ma allo stesso tempo generano risentimento.

E penso che siamo tutti d’accordo sul fatto che nessun genitore voglia che i propri figli provino sentimenti negativi nei suoi confronti.

bambino maleducato

Arriva quindi il momento in cui chiederci: “Cosa fare?”

In primo luogo, possiamo tenere conto del fatto che i bambini possono essere vittime di un qualche tipo di aggressione che non siamo stati in grado di percepire e che si manifesta in comportamenti aggressivi e stimolanti.

Ma nella maggior parte dei casi, dobbiamo assumerci la responsabilità di un’educazione eccessivamente permissiva.

Molti genitori hanno difficoltà a stabilire regole e poi a farle rispettare. Non riescono a gestire i bambini difficili e si arrendono a tutto ciò che chiedono perché improvvisamente sono in un vicolo cieco e non sanno come agire.

Non dimenticare che i bambini hanno una capacità speciale di rilevare questo tipo di situazioni e, in modo conscio o inconscio, non esitano a usarle. La chiave è essere più perseveranti di loro.

Se questa è la tua situazione, è importante prendere il toro per le corna il più presto possibile.  Perché tutti abbiamo visto occasionalmente bambini comportarsi in modo inappropriato.

E nessuno vuole passarci con i propri figli. Sappiamo che i bambini irrispettosi, insolenti e senza scrupoli non  piacciono e nessuno vuole che vengano respinti vengano respinti. Facciamolo per loro!

Prendi in considerazione queste idee

  • La mancanza di rispetto deve essere corretta il prima possibile in modo che non peggiori.
  • Giustificare i cattivi atteggiamenti di tuo figlio dicendo che “tutti i bambini sono uguali” o “sono cose dei bambini”; Non risolverà il problema. Le scuse non funzionano.
  •  Imparare a interagire in modo rispettoso li aiuterà a sviluppare legami forti con il loro ambiente.
  • Un bambino maleducato ha bisogno di aiuto per poter incanalare la sua rabbia e frustrazione.

Come possiamo correggere questi atteggiamenti?

1) Educare dal primo minuto.

È un errore credere che, poiché un bambino è molto giovane, non sarà in grado di comprendere le regole o qualsiasi cosa gli venga spiegata. I bambini imparano continuamente. Non dimenticarlo mai!

2) Accetta la frustrazione.

Che ci crediate o no, i bambini iperprotettivi sono una forma di maleducazione. Nel nostro entusiasmo di voler evitare la sofferenza, stiamo commettendo l’errore di non lasciarli prepararsi a gestire situazioni avverse.

Da adulti, sappiamo che le cose non saranno sempre come vogliamo e non lasciare che i bambini si preparino per questo farà sì che non sappiano come affrontare le avversità.

Non vogliamo vederli piangere e quindi accettiamo ciò che chiedono. Non vogliamo che si arrabbino e quindi, consentiamo comportamenti inappropriati.

Parte dell’apprendimento di cui tutti abbiamo bisogno ha a che fare con il saper sopportare la frustrazione.

3) Impostare i limiti.

A volte, gli atteggiamenti negativi dei nostri figli hanno a che fare con il fatto che non sanno molto bene fino a che punto si può e fino a che punto non si può. Ciò ha a che fare con i limiti che non sono chiari.

Se stabiliamo una regola da seguire, in linea di principio dobbiamo dare l’esempio e spiegare quali sono le conseguenze positive dell’accettazione delle regole.

4) Coerenza e perseveranza.

Punizioni come “un mese senza televisione” o “due mesi senza andare a casa di un amico” sono assolutamente inutili.

In linea di principio perché difficilmente riusciamo a mantenerli e poi, perché due giorni dopo si perde l’essenza della punizione.

Una punizione deve essere una penitenza. Due ore senza televisione, è più efficace di un mese che non diventerà mai un mese. Mentre percorriamo quel sentiero, stiamo perdendo autorità.

5) Discernere.

Come genitori, dobbiamo essere chiari su ciò che è intollerabile e ciò che è insignificante. A volte, ci concentriamo troppo sul “lavare la tazza dopo averla utilizzata”, ma consentiamo insulti e attacchi di ogni tipo.

Qual è l’atteggiamento che dobbiamo davvero modificare?

Le riflessioni finali che possiamo fare sono molte, ma potremmo riassumerle in un detto molto popolare: “più mosche vengono catturate con il miele che con l’aceto”.

Questo non significa imporre noi stessi con la forza, con severe punizioni, con punizioni fisiche, con minacce e umiliazioni.

Non raggiungeremo nulla. Avremo solo risentimento da parte dei nostri figli che sfortunatamente, avrà un impatto sulla loro vita sociale e lavorativa.

Parliamo, spieghiamo, chiediamo, scopriamo cosa sta succedendo e facciamo sapere ai nostri figli che un cattivo atteggiamento, una cattiva educazione e mancanza di rispetto porteranno solo problemi.

E che è più facile e più produttivo usare buone maniere e generare empatia con gli altri

Cerchiamo di capire che le conseguenze dell’uso di quelle parole che abbiamo nominato all’inizio avranno sempre un impatto a tuo nome.

Cosa pensi di un bambino maleducato? Hai avuto qualche esperienza in merito? Commenta e condividi.

Leggi anche:

Loading...
Close
Close