Contatori visite gratuiti

Coronavirus. L’Albania invia 30 medici in Italia. “Non abbandoniamo un Paese amico”

Il Ministro degli Esteri Luigi di Maio comunica l’arrivo del contingente di medici e infermieri messo a disposizione dal governo albanese a sostegno di Bergamo

Coronavirus. L’Albania invia 30 medici in Italia. Èd è lo stesso Ministro degli Esteri Luigi Di Maio ad accogliere il contingente albanese atterrato a Roma, ma diretto in prima linea a Bergamo.

Di Maio ha voluto subito rimarcare la grande solidarietà dimostrata da questo popolo coraggioso e generoso e le parole di grande vicinanza espresse dal Primo Ministro Edi Rama.

“So che 30 medici e infermieri non cambieranno il rapporto di forza micidiale di questo nemico invisibile e le forze in tenuta bianca che lo stanno affrontando sulle linea del fuoco dall’altra parte del mare”, ha  esordito  il premier albanese.

“Ma so anche che quella è ormai casa nostra da quando l’Italia, i nostri fratelli e sorelle italiani, ci hanno aiutati, salvati e ospitati quando l’Albania bruciava di dolori immensi”.

Le parole del premier sono un balsamo per il nostro Paese martoriato da vittime e contagi. Un Paese dove anche il più piccolo gesto di sostegno, viene apprezzato nel modo più bello. Con occhi lucidi e il cuore gonfio di gratitudine.

Coronavirus. Albania invia 30 medici in Italia

30 medici a sfidare al nostro fianco il Coronavirus

“Noi stiamo combattendo lo stesso nemico invisibile e le risorse umane e logistiche della nostra terra non sono illimitate, ma oggi non possiamo tenerle in attesa mentre in Italia si stanno curando in ospedali da campo anche cittadini albanesi e i loro medici hanno un enorme bisogno d’aiuto.

È vero che tutti sono rinchiusi dentro le loro frontiere e anche paesi ricchissimi hanno girato le spalle agli altri, ma forse proprio perché non siamo ricchissimi, e neanche privi di memoria, non possiamo permetterci di dimostrare all’Italia che noi albanesi ci dimentichiamo dell’amico in difficoltà.

Questa è una guerra che nessuno può vincere da solo. E voi cari membri coraggiosi di questa missione per la vita state partendo per una guerra che è anche la nostra. Oggi siamo tutti italiani e l’Italia deve vincere questa guerra e la vincerà anche per noi, per l’Europa e per il Mondo intero. Che Dio vi benedica tutti”.

La solidarietà che l’Albania sta dimostrando al nostro Paese è ancora più meritevole, se pensiamo che la delegazione dei medici arrivati in Italia è composta dalle migliori eccellenze di cui essa dispone.

“Professionisti, ha ricordato il nostro Ministro degli Esteri, che saranno pagati regolarmente dal Governo di Tirana”.

Un’ ulteriore dimostrazione dello spirito di aiuto e del valore della solidarietà, ha sottolineato Di Maio.

Solidarietà dall’Albania

In un momento come quello che sta attraversando il nostro Paese, gesti ed atti concreti come quello dall’Albania dimostrano che l’aiuto e la concretezza sono appannaggio dei popoli realmente solidali.

È anche su questo punto che Di Maio ha insistito quando ha rimarcato l’autentico europeismo dall’Albania. Evidenziando come l’ingresso all’interno dell’Unione Europea sarà questione che appoggerà in prima persona.

E parafrasando il premier albanese, giunga a questo popolo fraterno e generoso il nostro “Grazie, che Dio vi benedica tutti”.

Non perdete:

Ognigiornomagazine.net è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie