Contatori visite gratuiti

Pensioni, in arrivo il bonus tredicesima erogato a dicembre dall’Inps. A chi spetta ed a quanto ammonta l’importo

Le pensioni di dicembre 2020 prevedono un'erogazione supplementare: la tredicesima ed il bonus tredicesima

Le pensioni di dicembre 2020 prevedono un assegno più sostanzioso perché l’Inps nel corso di questa mensilità paga non solo la tredicesima ma anche il bonus tredicesima.

Il mese di novembre prevede delle importanti rivalutazioni delle pensioni. In particolare per quelle di invalidità.

Come confermato da una nota dell’Inps, si riconosce l’aumento a 651,51 euro. Inoltre si aggiungono gli arretrati con decorrenza dal 20 luglio 2020.

Quindi il mese di dicembre si preannuncia un mese più ricco per gli italiani che percepiscono la pensione.

Di fatto il consueto assegno pensionistico a dicembre prevede la tredicesima mensilità.

Che è riconosciuta alle pensioni di vecchiaia, ma anche ai titolari di pensione anticipata e di prestazioni assistenziali, ed ai beneficiari della pensione di reversibilità.

Alla somma canonica della pensione si aggiungono poi delle novità. Dal momento che alla mensilità abituale ed alla tredicesima, nel cedolino comparirà una voce in più.

Si tratta del cosiddetto bonus tredicesima. Questo è un importo aggiuntivo alla tredicesima mensilità.

In pratica, nel rispetto di alcuni requisiti, i pensionati avranno diritto ad un’erogazione di tipo supplementare.

Pensioni dicembre 2020- il bonus tredicesima

Pensioni dicembre 2020: il bonus tredicesima

Questa somma aggiuntiva si riconosce a chi percepisce una o più pensioni. Ma con un importo complessivo non superiore al trattamento minimo. Inoltre il soggetto deve avere delle condizioni reddituali precise.

In sostanza il bonus tredicesima spetta ai titolari delle pensioni erogate dall’Inps.

Ma sono escluse: le pensioni di invalidità civile, l’assegno sociale, la pensione sociale, la rendita facoltativa d’inabilità, le pensioni dei dipendenti degli enti creditizi e dei dirigenti d’azienda.

Inoltre sono esclusi dal riconoscimento del suddetto bonus i trattamenti che non hanno natura di pensione. Come nel caso degli assegni di esodo e dell’isopensione.

Il bonus tredicesima è pari a 154,94 euro. Come previsto dalla Legge 388/2000 che fa riferimento alla manovra finanziaria 2001.

I pensionati hanno diritto al bonus se sono in possesso di determinati requisiti reddituali. Che cambiano ogni anno in base agli adeguamenti Istat.

A chi si riconosce questo importo aggiuntivo

Per il 2020 questo importo aggiuntivo è pari a 154,94 euro. La cifra viene riconosciuta totalmente se la pensione complessiva del 2020 è minore oppure uguale a 6.695,91 euro.

Se l’assegno previdenziale dell’intero 2020 è compreso tra 6.695,91 e 6.850,85 euro, spetta la differenza tra 6.850,85 euro e l’importo delle pensioni.

Ma il pensionato deve rispettare dei limiti reddituali. Infatti i redditi personali non devono essere superiori a 10.043,87 euro nel 2020.

Nel caso di pensionato coniugato, si valuta anche il requisito reddituale coniugale e quello cumulato. Che dovrà essere inferiore ai 20.087,73 euro. Inoltre non deve superare la soglia personale di 10.043,87 punti.

L’erogazione del bonus tredicesima di 154,94 euro a dicembre avviene in modo automatico. Ossia si attua d’ufficio nei confronti di chi ne ha diritto.

L’Inps ha reso noto che se non sussistono i requisiti, il pensionato può fare domanda di ricostituzione della pensione, tramite il servizio online.

Ognigiornomagazine.net è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie