Cristiana Sinagra, ex di Maradona, denuncia in una telefonata rovente da Barbara d’Urso la mancanza di rispetto dopo la morte del Pibe de Oro

Cristiana Sinagra, ex di Maradona e madre Diego Jr intervenuta in diretta a Pomeriggio Cinque si è lasciata andare ad un duro sfogo nei confronti di coloro, che dopo la morte della leggenda del calcio, hanno espresso pareri controversi nei suo riguardi.

Nel corso di una chiamata concitata, Cristiana Sinagra ha fatto delle dure esternazioni per sottolineare la mancanza di rispetto che molti hanno indirizzato al Pibe de Oro.

Dopo la morte di Maradona in molti hanno cercato Cristiana Sinagra per intervistarla, e contro di loro e contro chi ha espresso pareri poco rispettosi ha alzato la voce la madre di Diego Jr.

Dopo un rapporto burrascoso, Diego Armando Maradona ed il figlio, nato nel 1986 da una relazione con Cristiana Sinagra, si sono riappacificati.

Una dura battaglia mediatica che si è conclusa infine nel 2007 con il riconoscimento di Diego Jr.

Dopo la morte del Pibe de Oro molti hanno mostrato grande commozione per un lutto improvviso che ha sconvolto tutto il mondo.

Ma non sono mancati detrattori che non hanno perso occasione per sporcare il ricordo di Maradona.

Così arrivata al limite della sopportazione, Cristiana Sinagra ha deciso di intervenire nella trasmissione pomeridiana di Barbara d’Urso, sua amica, per denunciare la mancanza di rispetto nei suoi confronti, del figlio e di suo padre.

Cristiana Sinagra denuncia la mancanza di rispetto dopo la morte di Maradona

Così prima di ricordare Maradona, ha segnalato di essere stata registrata durante una conversazione telefonica che a sua insaputa si è usata a livello mediatico.

Cristiana Sinagra

A tal proposito Cristiana Sinagra in uno stato di grande concitazione ha rivelato:

“Sono stata inondata di chiamate in queste ore. Una è stata registrata a mia insaputa ed è stata mandata in onda su un’altra rete nazionale. Non c’è più rispetto. Chi mi ha registrato era una signora”.

Contro questo comportamento, che ha violato la sua privacy, ha fatto sapere che è intenzionata a prendere provvedimenti.

Ma poi come ex compagna di Maradona ha espresso tutta la sofferenza per una perdita improvvisa:

“Abbiamo il cuore a pezzi, non ho parole per descrivere il dolore per Diego e quello provato da mio figlio per lui”.

L’attacco contro Giuseppe Cruciani e Giampiero Mughini

Cristiana Sinagra ha poi rivolto delle parole al vetriolo nei confronti di Giuseppe Cruciani e Giampiero Mughini che hanno rivolto dei commenti poco opportuni verso Maradona. Infatti ha tuonato così:

Cruciani e Mughini hanno fatto dichiarazioni vergognose. Va bene la libertà di pensiero, ma ci deve essere rispetto del dolore.

Questa gente non conosce Diego, non conosce la sua grande umanità, il suo grande cuore e la sua fragilità.

Non può permettersi di parlare. Io lo difenderò fino alla morte. Ripeto, ho sentito cose vergognose, nessun tatto, nessuna sensibilità”.

Infatti Cruciani nella trasmissione La Zanzara di Radio24 senza alcuna censura ha detto a proposito di Maradona: “Era anche un cocainomane”.

Anche Giampiero Mughini ha espresso un parere poco rispettoso ammettendo: “Maradona è morto a 60 anni, ma era sfatto, frantumato e disperato da anni”.

Dopo gli attacchi ai due giornalisti, Cristiana ha affrontato il tema del riconoscimento di Diego Jr, ribadendo che la battaglia tra figlio e padre si è trascinata nel tempo a causa di altre figure che hanno deviato Maradona.

Dopo il riconoscimento la donna ha sottolineato che “non c’è stato giorno in cui non Maradona ha chiesto perdono a suo figlio”.

Condividi: