Ebrei, musulmani e cristiani uniti nella preghiera per porre fine al Coronavirus

Un evento unico nella storia, di grande impatto emotivo per tutto il mondo

Di fronte al King David Hotel, a pochi passi dalla Città vecchia di Gerusalemme, la preghiera che ha unito ebrei, musulmani e cristiani  per sconfiggere la pandemia di coronavirus.

“Facciamo appello a tutti i cittadini del mondo di unire le forze e pregare uniti per la salute e l’umanità”.

Inizia così il comunicato della preghiera con il quale i due Rabbini Capo d’Israele, quello della comunità ashkenazita proveniente dall’Europa, e quello sefardita rappresentativo della comunità mediterranea, hanno unito i rappresentanti delle tre fedi monoteistiche.

Insieme ai rabbini Yitzhak Yosef e David Lau erano presenti il Patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme Teofilo III, l’Amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, mons. Pierbattista Pizzaballa, gli Imam Gamal el Ubra e Agel Al-Atrash e il leader druso Mowafaq Tarif.

Coronavirus

La preghiera di ebrei, musulmani e cristiani per fermare il Coronavirus 

“Dio, Tu che ci hai nutrito della carestia e ci hai fornito in abbondanza, ci hai liberato dalla peste e da malattie gravi e durature. Aiutaci.

Fino ad ora, la tua misericordia ci ha aiutato e la tua gentilezza non ci ha abbandonato, quindi ti preghiamo e chiediamo dinanzi a Te di guarirci, Signore, e saremo guariti, salvaci e saremo salvati, perché Tu sei la nostra gloria”. 

Così hanno recitato nella preghiera i rappresentanti delle grandi tre fedi mondiali, a dimostrazione dell’unità di intenti che provengono dai diversi angoli della Terra.

Questa Terra tanto contesa e dilaniata, quale è Israele, ha visto così un miracolo di unione e di speranza. È quanto sostenuto da Monsignor Pizzaballa e dal Patriarca Teofilo.

Anche qualche giorno fa, da quelle latitudini, un’altra immagine aveva testimoniato la capacità di unire, nel rispetto, popoli diversi.

Due uomini della sanità israeliana, uno ebreo e l’altro musulmano,  intenti a pregare accanto all’ambulanza di servizio.

“Gerusalemme ha bisogno di questo”, ha sottolineato il Patriarca latino. E, con lei, sicuramente il mondo intero.

Potrebbe inoltre interessarvi leggere: 

 

Ognigiornomagazine.net è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie